Categories
Allenamento

Allenarsi nelle acque libere

Suggerimenti per l’allenamento in mare o nel lago

L'atleta americano Alex Mayer in azione (foto Quinn Rooney/Getty Images Europe)
Il periodo estivo permette d’allenarsi in mare o nel lago, evitando totalmente od in parte la piscina. Che lo si scelga per passione o per la ricerca di un risultato competitivo, cerchiamo di trovare qualche idea su come impostare le sedute di allenamento in acque libere senza considerare distanze e tempi di percorrenza.

Allenamento no stop
La seduta non prevede pause (soste programmate) e permette di costruire la resistenza sulla distanza, aumetare la capacità polmonare e d’abituarsi allo stess dovuto alla stanchezza.
Durante la seduta puoi inserire:
A. Variazioni di ritmo per adattarti ai cambi di velocità (anche della gambata), simulando situazioni che in una gara sono frequenti
B. Lo stile a dorso per qualche decina di metri, dando la possibilità al corpo di rilassare parte dei muscoli utilizzati nello stile libero
In questo tipo di allenamento ricorda sempre di:
1. Nuotare il più disteso possibile (bracciata lunga) ricercando lo scivolamento
2. Alzare la testa solo quando occorre
3. Distribuire le energie durante il percorso
4. Concentrarsi sulla tecnica di nuoto per una maggiore efficienza del gesto atletico
Allenamento frazionato
La seduta prevede pause intermedie in maniera programmata, permettendo di intervallare lavori su diverse distanze e con intensità variabile, come è usuale fare anche in piscina.
Durante la seduta si possono inserire anche gli stili dorso e rana, al fine di rendere eterogenei gli allenamenti in base ai propri obiettivi.
Fine allenamento
Considera di fare qualche minuto a dorso ove e quando possibile, consentendo un recupero attivo del lavoro eseguito ed evitando di conseguenza d’allenare solo determinati muscoli del corpo.
Considerazioni conclusive
– Se gli allenamenti in acque libere sono frequenti durante la settimana cerca di diversificare la tipologia di allenamento, come anche la distanza da coprire.
– Se hai modo di nuotare anche in piscina, non escludere a priori qualche lavoro di tecnica, difficili da farsi in mare e nel lago.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *