Categories
Notizie

Jennings e Studzinski sono Queen e King Of The Sea 2010

Sabato 11 e Domenica 12 Dicembre scorsi a Copacabana si sono assegnati i titoli di regina e re del mare 2010, le corone sono per l’americana Christine Jennings ed il tedesco Alexander Studzinski

Alexander Studzinski dopo il traguardo (foto dailynewsofopenwaterswimming.com)
Lo scorso fine settimana si è svolto a Copacabana Beach il trofeo Queen e King of the Sea 2010, dove trionfano l’americana Christine Jennings ed il tedesco Alexander Studzinski, applauditi da un numeroso pubblico e seguiti da 20 milioni di persone grazie alla diretta televisiva.


Per entrambe le gare, svolte nello specchio di mare che ospiterà nel 2016 le Olimpiadi a Rio de Janeiro, si è utilizzato un tracciato ad anello di un chilometro con un tratto di transizione a piedi sulla sabbia tra ogni giro, con partenza ed arrivo sulla spiaggia, caratteristica quella del tratto di corsa sulla spiaggia che ha complicato la performance per gli atleti non abituati.
La gara femminile, sulla distanza di 7 chilometri è stata caratterizzata da una partenza a ritmi elevati, tanto che le 5 atlete di testa ha staccato le altre partecipanti.
A quattro boe dalla fine Jennings ha cambiato il ritmo spaccando ulteriormente il gruppo e riducendo a due il duello per la vittoria.
Di conseguenza, il finale vede in testa di Poliana Okimoto e Christine Jennings, dove la statunitense ha la meglio sulla brasiliana nello sprint di corsa sulla spiaggia prima dell’arrivo.
La gara maschile, sulla distanza di 10 chilometri, ha invece visto una più agguerrita contesa per il primo posto, dove il gruppo di testa composto dai brasiliani Allan do Carmo e Luis Arapiraca, dall’australiano Codie Grimsey, dal sudamericano Chad Ho, dallo statunitense Alex Meyer e dal tedesco Alexander Studzinski è sempre stato numeroso e compatto.
Al nono giro il tedesco ha imposto il cambio di ritmo che gli ha permesso di guadagnarsi un vantaggio di una lunghezza che non ha fatto comunque desistere gli avversari.
Vince Studzinski mantenendo il margine di vantaggio acquisito, mentre l’arrivo degli inseguitori è stato rocambolesco, giunge secondo Arapiraca, terzo Chad Ho caduto nel finale sulla sabbia con Allan do Carmo, giunto quinto perché anticipato da Alex Meyer.
Massiccia è stata la copertura televisiva, dove la diretta dove le telecamere posizionate su elicotteri, in acqua, sulle barche, lungo la riva con le gru e su alcuni edifici hanno permesso di vivere la gara in ogni sua parte.
VIDEO DEL FINALE DELLA PROVA FEMMINILE

VIDEO DEL FINALE DELLA PROVA MASCHILE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *