Categories
Notizie

La FIN ufficializza il divieto del taping

Anche per le competizioni nazionali di nuoto, nuoto in acque libere e di salvamento non è consentito all’atleta di fare uso di taping durante le prove, a meno che non sia certificato e riconosciuto dal medico della manifestazione o della Federazione

Esempi di trattamento col taping (foto familycarechirowc.com)
Con una circolare del 11 Aprile la Federazione Italiana Nuoto comunica che in conformità alla normativa SW 10.8 della FINA dove si menziona il divieto di taping, a partire dai Campionati Assoluti Primaverili di nuoto in vasca a Riccione dal 13 al 17 Aprile la norma dev’essere applicata anche per le gare nazionali di nuoto di tutte le categorie, incluse quelle di nuoto in acque libere e di salvamento.


La norma FINA SW 10.8 riporta: «[…] Any kind of tape on the body is not permitted unless approved by FINA Sport Medicine Committee», vietando quindi l’uso di qualsiasi forma di taping sul corpo dell’atleta durante la prestazione a meno di un’approvazione della FINA Sport Medicine Committee.
L’atleta che ha necessità del taping dev’essere in possesso del certificato medico che ne riconosca la necessità e lo deve presentare al medico della manifestazione o quando possibile a quello Federale, consentendo di accertare che la patologia dell’atleta lo renda necessario e che non violi la norma sul taping.
La richiesta di autorizzazione deve essere presentata almeno 30 minuti prima della prova dove l’atleta ne deve fare uso.
link downloadSCARICA LA CIRCOLARE DELLA FEDERNUOTO SUL TAPING

2 replies on “La FIN ufficializza il divieto del taping”

Qualcuno mi spieghi per favore perchè l’uso del neurotaping è consentito nella maggior parte degli sport, calcio basket volley tennis, e non nel nuoto se non dietro presentazione di un certificato medico che deve essere anche sottoposto all’attenzione e valutazione del medico della manifestazione?!
Ps: Ma quanti medici conoscono veramente il neurotaping?!

Caro Davide,
dovrebbe essere la Federazione a rispondere. Noi le motivazioni non le conosciamo 🙁

Staff NAL

Leave a Reply to Editore Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *