Categories
Notizie

D'Alessandro segna il record senza muta allo Stretto di Gibilterra

Giuseppe D’Alessandro compie con successo la traversata dello Stretto di Gibilterra, definendo il nuovo record italiano senza l’ausilio della muta

Giuseppe D'Alessandro prima della traversata dello Stretto di Gibilterra
Martedì 13 Agosto a Punta de Terifa (Spagna) il nuotatore Master Giuseppe D’Alessandro compie la traversata in solitaria dello Stretto di Gibilterra, segnando il nuovo record italiano.


Il forte vento di levante ha costretto D’Alessandro ad attendere diversi giorni prima di poter tentare la traversata con condizioni meteo e marine favorevoli: mare forza due e mare calmo.
L’acqua abbondantemente al di sotto dei 20 gradi, (18 riporta il referto ufficiale dell’ACNEG), rendendo di conseguenza la prova particolarmente impegnativa per chiunque volesse nuotare in queste acque senza l’utilizzo di una muta.
D’Alessandro è stato affiancato da due barche appoggio, seguito anche dalla nuotatrice Master Giovanna Quartuccio, definita da lui stesso come fondamentale.

Traversata dello Stetto di Gibilterra di D'Alessandro
L’arrivo è stato su Punta Almansa invece di Punta Cires sulla costa africana, scelta eseguita come da prassi in corso d’opera in base alle condizioni del mare e della corrente.
Giuseppe D’Alessandro, M35 della Waterpolo Palermo, ha concluso la sua nuotata col tempo di 3 ore e 52 minuti, affermandosi come il più veloce tra gli atleti italiani di questa impresa senza l’utilizzo della muta.

6 replies on “D'Alessandro segna il record senza muta allo Stretto di Gibilterra”

Bravo D’Alessandro cosi si fa, senza muta, al naturale. Complimenti vivissimi!
Mi domando: ma in che spesa si va incontro per una traversata del genere? Quanti Euro?

“… fatti non foste a viver come bruti
ma per seguir virtute e canoscenza …”
Inferno, XXVI, 119- 120
Complimenti! Sinceri e vivissimi!
Andrea ZANELLO
(che ha avuto l’idea di andarci e l’ha traversato con altri 4 “complici” nel 2007)

Ero io quello che aveva nuotato più velocemente, senza muta, in 4h03′, nel luglio 2006 (mare forza 3 in avvio, temperatura 16 °C). Bravo giuseppe, complimenti!!!

Ciao grazie per i complimenti e a NAL per aver pubblicato l’articolo.
Cmq a parte l’acqua molto fredda (almeno per me) poi tutto è stato abbastanza semplice e regolare, l’organizzazione è ottima in tutto e per tutto.
I costi purtroppo sono molto alti, sul sito ACNEG si possono trovare tutte le specifiche.
Saluti
Giuseppe D’Alessandro

Ciao e complimenti!
Anch’io volevo cimentarmi quest’anno nell’attraversata ma, come giustamente dice Giuseppe, sono stato stoppato dai costi secondo me stratosferici!
Speriamo in altre nuotate, in altre sfide!
Bravissimo ed in bocca al lupo per le prossime sfide!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *