Categories
Notizie

Traversata Taccarossa-Portoscuso 2012: protagonisti Satta e Pintus

Giovanni Maria Satta e Francesca Pintus sono i vincitori della tredicesima edizione della traversata sarda che unisce due isole e dal fascio del tutto particolare

Arrivo nella spiaggia di Porto Paglietto (foto Manuela Pintus)
C’è una Traversata che parte da un’isola per arrivare ad un’altra. E’ quella che si è svolta Domenica scorsa 5 Agosto nel sud-ovest della Sardegna, manifestazione nata dallo spirito goliardico di chi con il mare ci è cresciuto a fianco.
Di fronte un’altra isola da raggiungere, magari una volta o l’altra a nuoto. Tra Taccarossa (Carloforte) e Portoscuso ci sono poco più di tre miglia marine ed alcune correnti che guidano anche il prezioso passaggio dei tonni, ma questa è un’altra storia.
Da 13 edizioni il Windsurfing Vela Club Portoscuso di Pino Manca si occupa di garantire l’organizzazione di questa bella manifestazione sportiva che quest’anno ha visto al via 91 atleti. Il più giovane è Marco Zara di soli 12 anni, il più anziano è Mario Brandas, un non vedente accompagnato da Bruno Sardu.
Il primo in assoluto è il Master Giovanni Maria Satta che conclude i circa 5,8 chilometri in 1h13m10s. La prima tra le donne, anche lei Master, è Francesca Pintus che ha concluso in 1h31m48s.
Un gruppo di nuotatori di Portoscuso prima della partenza, che da anni condivide la passione per il nuoto in acque libere (foto Manuela Pintus)
A seguire tutti gli altri, tutti bravi, tutti coloro i quali ci hanno creduto fino all’arrivo. I nuotatori che si sono più o meno allenati e che muniti di cuffia, occhialini ed un costume (integrale o no) hanno ripetuto quell’esperienza originaria che fin dall’antichità ha spinto l’uomo al mare per attraversarlo.
link internoLEGGI I RISULTATI DELLA MANIFESTAZIONE
NAL ringrazia Manuela Pintus per il gentile contributo.

2 replies on “Traversata Taccarossa-Portoscuso 2012: protagonisti Satta e Pintus”

Un grazie a Portoscuso e a tutti coloro che hanno permesso il regolare svolgimento di questa impegnativa Traversata.
Manuela

Una memorabile traversata ricca di sole, paesaggi, profumi e colori. L’organizzazione IMPECCABILE sotto ogni punto di vista ha visto il supporto costante e prezioso degli accompagnatori che con le loro barche hanno portato e riportato i concorrenti presso le zone di partenza. Al termine, TUTTI sono stati riportati presso la zona ristoro che ha visto un succulento pranzo a base di malloreddus con sugo di tonno locale e insalata sempre di tonno pescato nella zona. Il tutto, irrorato con il vino del luogo che a fiumi rinfrescava i palati salati dal lungo percorso in mare. Un grande plauso vada a tutti coloro che hanno dato vita a tale manifestazione e a noi partecipanti che fino in fondo siamo stati i protagonisti. Grazie a Voi Organizzatori, lo sport vive ancora di amore e comunione di intenti in un unico brindisi di allegria.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *