Categories
Nutrizione Ricerche e Studi

Caffeina utile per l'esercizio ma non ugualmente per la mente

Bere gli energy drink contenenti caffeina possono avere effetti benefici per il fisico nell’esecuzione dell’esercizio ma probabilmente non per le funzioni mentali

Integrazione sportiva (fonte world.edu)
Bere gli energy drink contenenti caffeina possono avere effetti benefici per il fisico nell’esecuzione dell’esercizio ma probabilmente non per le funzioni mentali.
Il Journal of Caffeine Research ha pubblicato una ricerca eseguita dal Exercise Physiology and Metabolism Laboratory, Department of Kinesiology and Health Education della University of Texas at Austin, dove sono stati studiati gli effetti prestativi fisici e mentali mediante l’uso di caffeina nei ciclisti, che hanno eseguito test su tempi di gara e performance cognitive.
La caffeina ed i carboidrati sono utilizzati dagli sportivi per aumentare l’esercizio fisico e alcuni aspetti della performance cognitiva. Questo studio ha esaminato l’efficacia di una bevanda energetica (ED = energy drink) contenenti la caffeina per migliorare le prestazioni cronometriche in bicicletta e la performance cognitiva a riposo, durante l’esercizio fisico intenso e dopo l’esercizio.
Il protocollo sperimentale usato è un doppio cieco, randomizzato, crossover controllato con placebo. I trattamenti erano ED (contenenti caffeina (160 mg), carboidrati (54 g), taurina e Panax ginseng) ed una bevanda placebo non calorica senza caffeina (PLA).
Dopo un’astensione di 12 ore da caffeina e calorie supplementari, la prestazione fisica è stata misurata considerando il tempo finale su 35 km di una simulazione di gara cronometrica di ciclismo.
La performance cognitiva è stata misurata con un Stroop Test, un tapping task, una reaction time task ed una executive function task.
Sono stati 15 gli atleti testati (7 donne ed 8 uomini) suddivisi in low-baseline (LO) e high-baseline (HI) dato che 5 dei 15 (3 donne e 2 uomini) avevano un elevato livello di concentrazione di caffeina nel sangue in entrambe i tipi di test.
I tempi registrati migliorano in media del 3% in entrambi i gruppi (LO e HI) quando gli atleti hanno fatto uso di ED comparate con il PLA. Sebbene il VO2max e la frequenza cardiaca erano più elevati durante la prestazione per chi assumeva ED rispetto il PLA, non vi è stata alcuna differenza nella percezione dello sforzo tra i differenti gruppi esaminati. Il gruppo con ED assunto ha mostrato miglioramenti in alcuni aspetti cognitivi ma, quest’ultimi non erano probabilmente determinati dalla bevanda energetica.
I risultati suggeriscono che gli ED sono un efficace integratore di pre-esercizio che possono migliorare le prestazioni cronometriche ed anche possibili semplici aspetti della funzione cognitiva, presenti anche a bassi livelli di caffeina nel sangue.
Leggi l’articolo sulla ricerca su Mary Ann Liebert, Inc. publishers

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *